Le Icone

 

Le 22 Icone Femmine Difformi, realizzate da Silva Masini dal 2011 al 2016, sono il risultato di vari processi: pittura, collage e stampa.

Pensate come una mappa evolutiva, ogni immagine femminile riguarda un vissuto personale che può essere letto in chiave “universale”.

 

La ricerca sugli stereotipi femminili e le possibilità di difformarsi da modelli sociali imposti, è stata prima una riflessione intima e pittorica dell’artista, successivamente è diventata il punto di partenza del percorso di condivisione con altre donne, da cui sono emerse analisi, discussioni, riflessioni, esperienze e performance.

 

Le icone sono considerate l’origine di Femmine Difformi Project, lo stimolo da cui è nata la ricerca collettiva.

1/2

Icone-Stereotipi come Eva, Vergogna, Violata, Madonna, sposa, madre, puttana, bambola, velina, Barbie, vamp, matrona, first lady, donna manager - figure proposte/imposte dalla nostra cultura occidentale patriarcale, sono state occasione di discussione di gruppo, rispecchiamento ed esplorazione fuori e dentro di noi.

La ricerca è partita dagli stereotipi sociali ed è entrata nell’area personale per diventare rappresentazione. 

In quello spazio di trasformazione siamo entrate nel labirinto di ognuna e abbiamo assistito alla possibilità di poter cambiare "forma" e sentimento con uno stile individuale, unico e irripetibile.

Il lavoro realizzato nel video Il corpo che sogna è l’esperienza viva di queste scoperte fatte insieme, l’espressione spontanea del nostro vissuto.